A.N.P.I. - Comitato Provinciale Monza e Brianza  |  via Carlo Rota, 8 - 20900 Monza (MB)
tel. : 3272494342  |  e-mail: info@anpimonzabrianza.it
           

un regalo... "resistente"


T-shirt, spille, bracciali, portachiavi, tazze, oltre al tradizionale fazzolettone ANPI.
E poi... libri, cataloghi mostre, e tanti altro ancora...
Anche così contribuirai a alla raccolta fondi che saranno utilizzati per rendere fruibile e funzionale la nostra nuova sede.

fazzoletto - ANPI

il tradizionale fazzolettone ANPI

 

shopper -prima le persone

 

shopper -formula antifascista

 

shopper -ora e sempre connessi e resistenti

 

pins - NESSUNO ESCLUSO

la spilla con l'immagine della tessera 2019...

 

pins - SCARPE ROTTE, EPPUR BISOGNA ANDAR

la spilla con un classico dell'ANPI

 

pins - #primalepersone

campagna "prima le persone" in collaborazione con Brianza Accogliente e Solidale

 

pins - ORA E SEMPRE CONNESSI E RESISTENTI

Resistenza 2.0

 

bracciale - R-ESISTO

bracciale myown®
materiali:
Bottone in Bronzo Speciale
Bottone in Argento 950% (su ordinazione)
Dimensioni Diametro 19 mm
Nastro in Gros Grain elasticizzato mm. 15 resistente all’acqua

 

t-shirt - prima le persone

taglie uomo:
M (grigio, bianco, rosso, blu), L (grigio, bianco, rosso, blu), XL (grigio, bianco, rosso, blu), XXL (grigio, bianco, rosso, blu), 3XL (grigio, bianco, rosso, blu)
taglie donna:
S (blu, blianco, grigio, rosso), M (blu, blianco, grigio, rosso), L (blu, blianco, grigio, rosso), XL (blu, blianco, grigio, rosso), XXL (blu, blianco, grigio, rosso)

 

t-shirt - formula antifascista

taglie uomo:
M (grigio, rosso, verde), L (grigio, rosso, verde), XL (grigio, rosso, verde), XXL (grigio, rosso, verde), 3XL (grigio, rosso, verde)
taglie donna:
S (grigio, rosso, giallo), M (grigio, rosso, giallo), L (grigio, rosso, giallo), XL (grigio, rosso, giallo), XXL (grigio, rosso)

 

t-shirt - ora e sempre connessi e resistenti

taglie uomo:
M (blu, grigio, rosso, verde), L (blu, grigio, rosso, verde), XL (blu, grigio, rosso, verde), XXL (blu, grigio, rosso, verde), 3XL (blu, grigio, rosso, verde)
taglie donna:
S (grigio, rosso, fucsia), M (grigio, rosso), L (grigio, rosso), XL (grigio, rosso, fucsia), XXL (grigio, rosso)

 

t-shirt - assortite

 

mug - tazza

ieri partigiani, oggi antifascisti: per iniziare bene la giornata

 

Amaro del Partigiano

Bottiglia da 0,70

 


Libri:

Monza : dall'armistizio alla liberazione, 1943-1945 : l'occupazione tedesca, la Repubblica sociale, la vita quotidiana, la Resistenza / Pietro Arienti. - Missaglia (Lc) : Bellavite, 2015.

Dall'Archivio storico civico di Monza emergono nuovi documenti che raccontano il fascismo della Repubblica sociale, i tedeschi occupanti, la vita quotidiana della gente, l'attività della Resistenza. Integrati con le informazioni provenienti da altre fonti, permettono di descrivere le vicende di un periodo difficile e raccontare fatti inediti, alcuni dei quali vanno oltre la storia locale, per appartenere ed offrire un contributo a quella nazionale.

 

La Resistenza in Brianza : 1943-1945 / Pietro Arienti. - 2. ed. - Missaglia : Bellavite, 2012.

Una ricerca che porta alla luce la Resistenza in Brianza nel suo complesso. L'autore ricostruisce con precisione storica eventi che possono essere citati come esempi di Resistenza "maggiore": le azioni del gappista Alberto Gabellini, gli attacchi al campo volo di Arcore, lo scontro sulla provinciale Como-Bergamo, fra Bulciago e Rovagnate, dove rimasero uccisi 35 partigiani della Brigata Puecher, aspetti e fatti ricoperti dalla polvere del tempo. Si legge nella presentazione di Raffaele Mantegazza, docente alla Università di Milano Bicocca: "È un libro di storie e di storia, che si costruisce mediando l'inevitabile dimensione affettiva con il rigore della ricostruzione storiografica, estraendo il discorso sulla Resistenza dalle secche della retorica e dell'emozione pura per immergerlo nel bagno del rigore scientifico senza però fargli perdere nulla della sua capacità di indignare il lettore".

 

Dalla Brianza ai lager del Terzo Reich : la deportazione verso la Germania nazista di partigiani, oppositori politici, operai, ebrei : il caso dei lavoratori coatti / Pietro Arienti. - Missaglia : Bellavite, 2011.

Il lavoro che ci propone Pietro Arienti è frutto di una lunga e puntigliosa ricerca atta a mettere in luce i riflessi sulla Brianza dell'occupazione nazifascista e in particolare la deportazione verso i campi di sterminio e di lavoro di partigiani, oppositori politici ed ebrei; attenzione è data anche al caso dei lavoratori coatti. Si tratta di un lavoro imponente, dal valore indiscutibile, fondato su un'attenta ricerca delle fonti.

 

Al di là del niente : i deportati monzesi nei campi di sterminio nazisti / Raffaele Mantegazza ; ricerca di Emiliano Vincenzo Toppi. - Monza : Comune di Monza, stampa 2007.

Il libro ricorda le storie di vita dei deportati e delle deportate monzesi nei campi di sterminio nazisti. Di molti, deportati e spariti nel nulla, è rimasto poco o niente, una vecchia foto-tessera, una breve nota biografica, alcuni pensieri, alcune abitudini. Di molti non sappiamo nulla, ed è spesso impossibile rintracciare i parenti. Molti sono stati deportati che erano poco più che ragazzi, spesso dopo le retate che sono seguite agli eroici scioperi del marzo '44, in particolare alla Falck e alla Breda di Sesto San Giovanni.

 

La Costituzione, 70 anni dopo / a cura di Carlo Smuraglia. - Roma : Viella, 2019.

Il presente volume raccoglie i contributi presentati in occasione di sei seminari tematici organizzati dall'Anpi con l'intento, annunciato già all'indomani del referendum costituzionale del 2016, di promuovere una riflessione pubblica sui profili attinenti alla mancata attuazione della Costituzione, a settant'anni dalla sua entrata in vigore. Nella seconda parte, un commento redatto collegialmente da un gruppo di lavoro coordinato da Carlo Smuraglia propone un bilancio della discussione e traccia alcune possibili linee di indirizzo per l'attuazione del dettato costituzionale. Completa il volume la lectio magistralis tenuta il 10 dicembre 2018 a Bologna da Gaetano Silvestri in occasione del settantesimo anniversario dell'adozione della Dichiarazione universale dei diritti umani.

 

Antifascismo quotidiano : strumenti istituzionali per il contrasto a neofascismi e razzismi / a cura di Carlo Smuraglia. - Roma : Bordeaux, 2020.

Un volume per affrontare le tematiche di contrasto a neofascismi e razzismi sotto il profilo delle istituzioni e delle iniziative da realizzare. Un progetto editoriale che non si rivolge solo agli "addetti ai lavori" ma a chiunque ritenga fondamentale l'impegno di Stato e cittadini contro la diffusione di questi mali. Lo scopo è quello di fornire strumenti di lettura degli avvenimenti e di conoscenza delle misure da adottare - secondo il perentorio invito dello stesso Parlamento europeo - contro fenomeni che sono inaccettabili sotto ogni profilo ma godono ancora di un consistente margine di pericolosità. Perché i comportamenti corretti di tutte le istituzioni pubbliche vanno integrati da una precisa definizione di ciò che lo stesso cittadino e le organizzazioni che lo rappresentano possono fare: non solo azioni di pressione ma anche iniziative specifiche, con l'obiettivo primario dell'applicazione rigorosa della nostra Costituzione, del suo spirito democratico e antifascista. Uno strumento di conoscenza, informazione e formazione rivolto a tutti i cittadini di buona volontà.

 

Con la Costituzione nel cuore : conversazioni su storia, memoria e politica / Carlo Smuraglia con Francesco Campobello. - Torino : Gruppo Abele, 2018.

Antifascismo, Resistenza, Costituzione: sono il leitmotiv di questo libro intervista in cui si intrecciano eventi e questioni fondamentali della Repubblica. È una lunga storia che si sviluppa dal 1943 a oggi e che Carlo Smuraglia ha vissuto con intensità e con occhi particolari. Gli occhi dell'avvocato, impegnato in grandi processi politici (da quelli contro i partigiani a quelli per i fatti di Reggio Emilia del 1960). Gli occhi del professore universitario, punto di riferimento nel settore dei diritti e della salute dei lavoratori. Gli occhi dell'uomo delle istituzioni, protagonista nelle assemblee locali, nel Consiglio superiore della magistratura e in Parlamento; e infine nell'Anpi. Il risultato è un affresco efficacissimo proiettato sull'Italia di oggi, sull'Europa e sulla sua crisi, sui nazionalismi, sui muri e i fili spinati in una prospettiva in cui, nonostante tutto, prevale l'ottimismo della volontà.

 

L'antifascismo al lavoro : profilo biografico di Luciano Guerzoni / Cesare Panizza ; con un testo di Carla Nespolo. - Novi Ligure : Joker, 2020.

Questo volume raccoglie la vita di un prezioso antifascista. Luciano Guerzoni nel corso della sua lunga militanza politica ha sempre tenuto la barra dritta delle radici: Resistenza e Costituzione. Così, fin da ragazzo, ha intrapreso un percorso di attivismo democratico che dalla FGCI lo ha portato a ricoprire importanti cariche di partito e istituzionali. Con un rigore che ha marcato ogni azione e operazione al servizio dei diritti e della convivenza civile. L'ultima intensa tappa della sua vita è stata l'ANPI di cui è stato prima componente della Segreteria nazionale e poi Vicepresidente nazionale vicario fino alla morte avvenuta nell'agosto del 2017. Grazie al suo incarico organizzativo, l'Associazione ha potuto radicarsi in tutta Italia. Lo storico Cesare Panizza, col concorso delle testimonianze dei familiari e di coloro che hanno lavorato "gomito a gomito" con Guerzoni, propone un profilo biografico di grande interesse e completezza di informazioni che aspira ad essere non solo un'opera memorialistica ma anche la proposta di un serio e appassionato modello di impegno antifascista.

 

Il comandante Bulow : Arrigo Boldrini partigiano, politico, parlamentare / Edmondo Montali ; prefazione di Carlo Smuraglia ; introduzione di Adolfo Pepe. - Roma : Ediesse : ANPI : Fondazione Giuseppe Di Vittorio, 2015.

Il libro ricostruisce la vicenda resistenziale, politica e parlamentare di Arrigo Boldrini, il comandante Bulow. Boldrini è stato un grande comandante partigiano alla guida della 28a Brigata Mario Gordini che operò nella provincia di Ravenna e poi in Veneto durante la guerra di Liberazione. Il suo nome rimase per sempre legato alla pianurizzazione della Resistenza con la quale il ravennate Bulow spostò la guerra partigiana dal suo terreno naturale, la montagna, alle campagne della Bassa, inventando un tipo di guerra partigiana che non si riteneva possibile. Ma Boldrini, medaglia d'oro al valore militare, non è stato solo un comandante partigiano. Membro della Consulta e della Costituente, è stato un parlamentare di lungo corso, vicepresidente della Camera dal 1968 al 1976, poi senatore della Repubblica fino al 1994, dirigente di primo piano del Partito comunista italiano e presidente dell'ANPl, l'Associazione nazionale partigiani, fino al XIV Congresso del 2006, due anni prima della sua morte. Il libro cerca di restituire la ricchezza del suo poliedrico contributo alla storia, per molti versi difficile e complessa, della Repubblica italiana di cui fu, a pieno titolo, un padre fondatore.

 

Le stragi nazifasciste del 1943-1945 : memoria, responsabilità e riparazione / a cura dell'Associazione nazionale partigiani d'Italia. - Roma : Carocci, 2013.

Le stragi nazifasciste perpetrate contro le popolazioni civili italiane nel 1943-1945 rappresentano, come noto, un problema ancora irrisolto. Le loro vittime sono state stimate in un numero non inferiore a 15.000, senza contare gli effetti devastanti sull'intera vita di alcune località, come Marzabotto, Sant'Anna di Stazzema e altre, dove la distruzione è stata pressoché totale. A fronte di questa tragedia, sono stati celebrati non molti processi e con considerevole ritardo. Le sentenze emesse non sono state mai eseguite, né per gli aspetti penali né per quelli civilistici. Una Commissione parlamentare, che ha lavorato per due anni a queste tematiche, ha concluso i suoi lavori con due relazioni, sulle quali non c'è mai stata una discussione parlamentare. Sul piano dei risarcimenti, poi, nulla è avvenuto; si sta discutendo solo ora col Governo tedesco su possibili forme di "riparazione". Insomma, siamo ancora lontani da giustizia e verità; e soprattutto siamo ancora lontani da quella piena assunzione di responsabilità da parte tedesca e italiana di cui si ravvisa l'assoluta necessità.

 

Indignatevi! / Stephane Hessel. - 3. ed. - Torino : Add, 2011.

"Indignatevi!" è un pamphlet liberatorio e corrosivo di Stéphane Hessel, diplomatico francese, ex partigiano, novantatreenne combattivo che ha conquistato con questo testo migliaia di lettori. Nelle sue pagine Hessel affronta i mali della nostra epoca e lancia un grido che ha saputo farsi ascoltare diventando un vero manifesto che supera gli schieramenti politici e le divisioni ideologiche. Dove sono i valori tramandati dalla Resistenza, dove la voglia di giustizia e di uguaglianza, dove la società del progresso per tutti? A ricordarci le cose che non vanno sono gli eventi di una quotidianità fatta di ingiustizie e di orrori come le guerre, le violenze, le stragi. Hessel parte da qui, per indicare a tutti quali sono i motivi per cui combattere e per cui tenere alta l'attenzione. L'indignazione è il primo passo per un vero risveglio delle coscienze, e il grido di Hessel ce lo ricorda con fermezza e convinzione. A completare il libro, l'appello degli ex partigiani francesi (di cui Hessel è uno dei firmatari), sottoscritto a Parigi nel marzo 2004 e la Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo di cui Hessel è stato uno degli estensori.

 

L'esodo di istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra : testimonianze di cittadini monzesi / Umberto De Pace. - Missaglia : Bellavite, 2010.

Uno spaccato di storia monzese attraverso la viva voce dei suoi protagonisti: un inno alla Memoria, per cogliere ciò che troppo spesso rimane celato dietro la retorica istituzionale e commemorativa o che difficilmente si intuisce dall'accademica ricostruzione storica, sia pur doverosa e necessaria. Un libro per ricordare con maggiore consapevolezza, affinché il "grande esodo" e la tragedia delle foibe si affranchino dalle dispute ideologiche e diventino a pieno titolo parte della memoria storica condivisa del nostro Paese.

 

La foiba dei miracoli : indagine sul mito dei sopravvissuti / Pol Vice. - Udine : Kappa Vu, stampa 2008.

Intorno alle vicende del confine orientale è in atto una propaganda forsennata, che prescinde da qualsiasi seria analisi storica e documentale e che ha come scopo la riabilitazione del fascismo. Il libro prende in considerazione una vicenda molto particolare, quella dei cosiddetti "sopravvissuti alla foiba", come vengono identificati dalla vulgata foibologica e ricostruisce dal 1945 ad oggi la creazione della mistificazione, dimostrando come dall'immediato dopoguerra sia in atto un vero e proprio progetto di invenzione della storia.

 

La dissoluzione del potere : il partito comunista sloveno ed il processo di democratizzazione della repubblica / Stefano Lusa ; prefazione di Jože Pirjevec. - Udine : Kappa vu, stampa 2007.

Uno studio che si occupa delle dinamiche interne della lunga transizione slovena e che analizza gli aspetti politici e sociali dal 1980 sino alla disgregazione della Jugoslavia.

 

Atti del corso di aggiornamento Revisionismo storico e terre di confine : Trieste, 13 e 14 marzo 2006 / a cura di Daniela Antoni. - Udine : Kappa Vu, stampa 2007.

Le relazioni tenute alla due giorni di corso che stampe sono interventi monografici che permettono di ripercorrere le vicende del confine orientale e la composizione delle popolazioni qui presenti, raccontandone gli esodi e le assimilazioni forzate, ricercando le profonde radici del razzismo e della psicosi della purezza identitaria in una vasta area di frontiera, ricca di incroci e meticciati, da sempre plurilingue. Alla riflessione didattica è stato dedicato uno spazio importante, individuando anche nei libri di testo "riformati" e/o nelle omissioni il passaggio del revisionismo.

 

L'attività clandestina del clero sloveno durante il fascismo / Egon Pelikan ; [curatrice Monica Rebeschini ; traduzione dallo sloveno Alessandra Foraus]. - Udine : KappaVu, 2011.

Il volume di Egon Pelikan presenta una documentata narrazione, basata su fonti slovene e italiane, della vicenda del clero sloveno e del movimento politico cattolico sloveno, nel periodo tra le due guerre mondiali. Si tratta di un periodo che vede schierata la Chiesa locale, seppur con tratti di sotterranea ambiguità - svelati dalla documentazione raccolta dall'autore - a difesa dei diritti nazionali della popolazione slovena della regione Giulia e le gerarchie fasciste impegnate a cancellare l'identità delle minoranze nazionali. Centrale risulta in tale progetto di snazionalizzazione l'atteggiamento assunto dal Vaticano nei confronti del clero sloveno nella Venezia Giulia e delle minoranze slovena e croata presenti nella regione.

 

Giovanni Pesce : per non dimenticare / a cura di Fabrizio Cracolici e Laura Tussi ; contributi di Vittorio Agnoletto ... [et al.] ; intervista a Giovanni Pesce: Luisa Como, Giuseppe Paleari. - Milano; Udine : Mimesis, 2015.

Le città di Nova Milanese e Bolzano da anni promuovono un progetto istituzionale, dal titolo emblematico "Per non dimenticare". Nell'archivio storico audiovisivo, l'amministrazione comunale di Nova Milanese ha recentemente reperito un video inedito, che consiste nell'intervista al comandante partigiano Giovanni Pesce, medaglia d'oro della Resistenza, risalente al lontano 1983. È stato possibile restaurare questa videointervista, ossia una testimonianza inedita di Giovanni Pesce, comandante partigiano dei GAP, che racconta la propria vita, dal duro lavoro, come migrante in Francia, alle leggendarie azioni di lotta nelle Brigate Internazionali in Spagna, dal confino a Ventotene alla Resistenza partigiana antifascista a capo dei GAP sia a Torino, che a Milano, con il compagno di lotte, il leggendario Dante di Nanni. L'amministrazione comunale di Nova Milanese, in collaborazione con l'ANPI, si pongono il nobile intento di donare ai posteri questo documento audiovisivo dall'alto spessore storico e culturale, come monito e insegnamento alle generazioni presenti e future, per annunciare un messaggio di speranza per la fine di tutte le guerre e "Per non dimenticare" il passato e gli orrori della storia. Contributi di Vittorio Agnoletto, Daniele Bianchessi, Ketty Carraffa, Moni Ovadia, Tiziana Pesce.

 

Brianza partigiana : 1943-1945 : ricordare, progettare il futuro : mostra documentaria / [a cura] di Emanuela Manco, Rossana Valtorta e Leonardo Visco Gilardi ; consulenza di Pietro Arienti - ANPI Monza e Brianza : CGIL SPI Brianza, 2011.

"Brianza Partigiana” è il catalogo di una Mostra in 26 pannelli che racconta la storia coraggiosa della Resistenza brianzola e del grande contributo di intelligenza organizzativa, di sacrificio, di deportazione e di vite umane che i brianzoli hanno dato alla Resistenza italiana. Una lotta clandestina difficile che ha visto i Resistenti impegnati nella costruzione di una fitta rete di cospirazione, di propaganda e di costruzione del consenso popolare alla lotta contro i nazisti e fascisti e nell’assistenza logistica alle Brigate partigiane in montagna, nelle fabbriche e nelle città, dai giorni cupi e pericolosi degli scioperi e delle azioni armate dei GAP e delle SAP fino ai giorni della Liberazione.

 

Noi, partigiani : memoriale della Resistenza italiana / a cura di Gad Lerner, Laura Gnocchi ; prefazione di Carla Nespolo. – Milano : Feltrinelli, 2020.

La Resistenza e la sua memoria sono fatte di azioni e di luoghi divenuti simboli di un'epoca tragica ed eroica della nostra storia. Ma la memoria svanisce e gli errori della storia possono ripetersi. Quella dell'Anpi, di Gad Lerner e Laura Gnocchi è una corsa contro il tempo per dare voce a donne e uomini che nel 1943 erano giovanissimi, adolescenti o persino bambini. Cosa passava per la testa di quelle ragazze e di quei ragazzi quando furono chiamati a una scelta estrema, rischiosa e difficile come quella di conquistare anche con le armi una libertà che molti di loro non avevano mai conosciuto? Un grande romanzo collettivo di formazione di un soggetto fragile e inestimabile: la nostra Costituzione democratica. Ricordi personali, episodi drammatici, dinamiche familiari, rievocazioni di figure ingiustamente dimenticate, ma anche riflessioni sul cammino incompiuto dopo la Liberazione si intrecciano in un racconto corale di malinconia ma anche di felicità, che riporta alla luce i valori civili fondamentali che oggi dobbiamo difendere.

 

A Gusen il mio nome è diventato un numero / Angelo Signorelli. - Sesto San Giovanni : Monza : ANED, [1995?].

Diario di Angelo Signorelli, che ripercorre la vicenda personale dell’autore, operaio alla Falck Unione di Sesto San Giovanni, arrestato l’11 marzo 1944 insieme al fratello Giuseppe per aver partecipato allo sciopero generale e deportato nel lager di Mauthausen, dove è costretto al lavoro prima nella cava di Gusen I poi alla costruzione di Gusen II. Viene liberato il 5 maggio 1945.

 

Biassono : 1900-1945 / Felice Meregalli. - Missaglia : Bellavite, 2016.

Un contributo significativo per la conoscenza e la valorizzazione del ruolo del Movimento di liberazione a Biassono e in tutto il territorio della provincia di Monza e della Brianza, uno studio unitario che mette in risalto i caratteri particolari dell’antifascismo e della Resistenza in Brianza.

 

La neve era bianca. Monza, 25 gennaio 1945 / [Elena Mistrello]. - Foa Boccaccio 003, ANPI Monza, Sez. G. Citterio [2014].

Da un’intervista a Franco Rossi. Dopo una notte di torture nelle carceri della Villa Reale, Vittorio Michelini, Alfredo Ratti e Raffaele Criscitiello vengono fucilati in via Boccaccio la mattina del 25 gennaio 1945 su ordine di un tribunale italo germanico. L’esecuzione avviene sul muro esterno della reggia, in una via Boccaccio coperta da un’abbondante coltre di neve. Le loro vite si sono incrociate nel corso di un’azione portata a termine la notte precedente: hanno tutti 22 anni e sono giovani partigiani.

 

Il partigiano Ambrogio : memorie di una vita vissuta con onestà nel nome della libertà / [Ambrogio Riboldi]. - Arcore : ANPI, Sezione di Arcore, [20??].

Ho desiderato raccontare queste mie memorie affinché possano essere di aiuto a tanti giovani che non sanno cogliere il balore della libertà e pensano che questa significhi solo poter fare ciò che vogliono. Chi ha combattuto era animato da forti ideali, da nobili aspirazioni per migliorare se stesso e la società. Gli ideali danno la forza per compiere grandi imprese con sacrificio e dedizione, senza i quali nei cuori non c’è più Poesia. (Dalla premessa dell’autore).

 

Piazza Martiri della Libertà : Villasanta dal 1937 al 1945 / di Giuseppe Meroni. - [Missaglia : GreenPrinting], stampa 2011.

 
Se vuoi informazioni sulle disponibilità ed i metodi di ritiro e pagamento, scrivici: info@anpimonzabrianza.it

E, se non lo sei ancora, puoi iscriverti e ritirare così la tua nuova tessera